A16z lancia un fondo crittografico da 4,5 miliardi di dollari focalizzato sulle opportunità del Web3

A16z lancia un fondo crittografico da 4,5 miliardi di dollari focalizzato sulle opportunità del Web3

a16z

A16z, una delle più influenti società di venture capital nel settore delle criptovalute, ha annunciato il lancio di un nuovo fondo di criptovalute per investire nello sviluppo di startup Web3. Questo quarto fondo di criptovalute della società, che verrà lanciato con un budget di 4,5 miliardi di dollari, si concentrerà su diversi settori chiave dell’ambiente cripto, tra cui i giochi blockchain e la finanza decentralizzata.

A16z punta forte su Web3 e cripto

A16z, una delle società di venture capital più attive nel settore delle criptovalute, ha rivelato che sta per lanciare un altro fondo di investimento in criptovalute. La nuova impresa della società, che avrà a disposizione 4,5 miliardi di dollari, si concentrerà sugli investimenti in Web3 in aziende a qualsiasi tasso di crescita. Secondo la società, si tratta di una scommessa sulla blockchain come una delle tecnologie più importanti del futuro.

Un post sul blog scritto da Chris Dixon, general partner di A16z e fondatore e leader della sua divisione crypto, ha dichiarato:

Pensiamo di essere entrati nell’era d’oro del Web3. Le blockchain programmabili sono sufficientemente avanzate e una vasta gamma di applicazioni ha raggiunto decine di milioni di utenti. Ma soprattutto, nell’ultimo anno una massiccia ondata di talenti di livello mondiale è entrata nel Web3.

Con questo capitale, i fondi investiti da A16z nell’ecosistema delle criptovalute superano i 7,6 miliardi di dollari.

Investment Objectives

A16z ha anche spiegato come sta allocando i fondi. Nel post sul blog, Dixon chiarisce che 1,5 miliardi di dollari saranno destinati agli investimenti seed, per le aziende che sono ancora nelle fasi iniziali della loro crescita e devono fare affidamento sugli investitori per finanziare le loro operazioni. Gli altri 3 miliardi di dollari saranno destinati a vari investimenti di rischio non ancora specificati dall’azienda.

La portata di A16z è ampia: la società ha dichiarato che i suoi investimenti abbracceranno diverse aree della comunità crittografica, tra cui “giochi web3, Defi, social media decentralizzati, identità auto-sovrana, infrastrutture di livello 1 e 2, ponti, DAO, governance, comunità NFT, privacy, monetizzazione dei creatori, finanza rigenerativa, nuove applicazioni delle prove ZK, contenuti decentralizzati e creazione di storie”

.

La società ha anche annunciato che continuerà a far crescere il suo team operativo per offrire una migliore assistenza alle società in portafoglio, tra cui ricerca e ingegneria, sicurezza, talenti e persone, assistenza legale e marketing.

A16z è stata attiva anche in altri investimenti recenti che riguardano le criptovalute e la tokenizzazione. Di recente ha guidato un round di investimento in Flowcarbon, una società di tokenizzazione del carbonio sostenuta dal cofondatore di Wework Adam Neumann.

Cosa ne pensate del nuovo fondo di A16z da 4,5 miliardi di dollari in criptovalute e Web3? Ditecelo nella sezione commenti qui sotto.

Sergio Goschenko

Sergio è un giornalista specializzato in criptovalute con sede in Venezuela. Si descrive come arrivato tardi, entrando nella criptosfera quando l’aumento dei prezzi è avvenuto nel dicembre 2017. Avendo una formazione da ingegnere informatico, vivendo in Venezuela e subendo l’impatto del boom delle criptovalute a livello sociale, offre un punto di vista diverso sul successo delle criptovalute e su come queste aiutino i non bancari e i non serviti.

bitso

Study Shows the United States Is Home to 41% of the NFT Companies Worldwide

Image Credits: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è un’offerta diretta o una sollecitazione di un’offerta di acquisto o di vendita, né una raccomandazione o un’approvazione di prodotti, servizi o aziende. Bitcoin.com non fornisce consulenza sugli investimenti, fiscale, legale o contabile. Né l’azienda né l’autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, di eventuali danni o perdite causati o che si presume possano essere causati da o in relazione all’uso o all’affidamento su qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato in questo articolo.

Altre storie
PSG: “Lionel Messi non aveva altra scelta che unirsi a Parigi
PSG: “Lionel Messi non aveva altra scelta che unirsi a Parigi