Che cos’è il Bitcoin? La guida definitiva per i principianti

Che cos’è il Bitcoin? La guida definitiva per i principianti

Bitcoin è la criptovaluta originale rilasciata nel 2009 come software open-source. È una valuta digitale basata su transazioni crittograficamente sicure, su un modello di consenso proof-of-work e su una rete decentralizzata di registro distribuito P2P. Il libro mastro distribuito di Bitcoin è la prima blockchain – un libro mastro condiviso e distribuito con data e ora di blocchi di dati collegati attraverso una catena di hash crittografici – e ha risolto il problema della doppia spesa che aveva afflitto le precedenti iterazioni di valute digitali.

Cos’è Bitcoin?

Bitcoin è un mezzo di scambio decentralizzato, un livello di regolamento di alto valore e una riserva di valore che esiste al di fuori del sistema finanziario tradizionale. La rete è interamente P2P e non esistono intermediari o controlli centralizzati. I sostenitori del Bitcoin lo considerano il primo denaro veramente “libero” dal controllo centralizzato e la proliferazione del potere di hash della sua rete e degli effetti generali della rete hanno solidificato la sua posizione di mezzo di scambio di valore a prova di sovrano.

What is Bitcoin? Complete Guide

Sin dalla sua nascita, il Bitcoin ha alimentato la crescita di un intero settore di criptovalute. Molte di queste valute sono fork del protocollo Bitcoin, mentre altre si sono sviluppate in piattaforme di smart contract complete di Turing. La storia di Bitcoin si è evoluta nel corso della sua vita ed è stata soggetta a dibattiti polarizzanti e a decisioni controverse sul protocollo di rete.

Nonostante l’atmosfera da far west all’interno del settore delle criptovalute e la natura spesso polarizzante delle comunità, Bitcoin è rimasto decisamente resistente. Con un decennio di esperienza alle spalle, la criptovaluta ha dimostrato una propensione al cambiamento conservativo che ha portato a una notevole stabilità, decentralizzazione e trasparenza, nonostante le critiche che ha dovuto affrontare nel corso della sua esistenza.

Il Bitcoin è emerso come un’impresa tecnologica eccezionale e le sue implicazioni future, insieme al settore in crescita che ha innescato, sono profonde.

Continuate a leggere mentre cerchiamo di rispondere alla domanda “Cos’è il Bitcoin?” e di fornire la guida più completa per i principianti.

La storia del Bitcoin

Il Bitcoin è stato rilasciato da una persona o da un gruppo di persone che utilizzano lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto il 31 ottobre 2008, alla mailing list Cypherpunk come white paper intitolato “Bitcoin: A Peer-to-Peer Electronic Cash System” L’identità di Satoshi Nakamoto è tuttora sconosciuta, nonostante i numerosi tentativi di rivendicare l’identità dell’oscuro creatore di Bitcoin.

Il blocco genesi – che ha dato il via alla mainnet Bitcoin – è stato estratto il 3 gennaio 2009 con una ricompensa di 50 BTC (simbolo di Bitcoin) e un messaggio di testo incorporato nella transazione su coinbase:

“The Times 03/Jan/2009 Chancellor on brink of second bailout for banks”.”

Il messaggio era un titolo estratto dal quotidiano britannico The Times a seguito della crisi finanziaria globale del 2008, in cui le banche sono state salvate dai rispettivi governi (cioè Stati Uniti e Regno Unito), stati Uniti e Regno Unito) dopo essere state loro stesse una delle cause principali della crisi. Il commento deriva dall’instabilità del sistema bancario a riserva frazionaria in generale. Il titolo simboleggia il concetto ampiamente accettato alla base di Bitcoin, un mezzo di scambio di valore immutabile, incensurabile e decentralizzato, libero dai problemi endemici dei sistemi finanziari e dei governi tradizionali.

Satoshi Nakamoto

Satoshi Nakamoto è stato attivo sui thread di posta elettronica, sui forum della comunità e sul repo open-source di Bitcoin per poco più di un anno dopo aver inizialmente pubblicato il white paper e si è oscurato nel dicembre 2010. Il Nakamoto Institute fornisce una raccolta completa di e-mail, post sui forum, aggiornamenti del codice e altre interazioni con Satoshi Nakamoto. Se volete approfondire la vostra comprensione della visione di Satoshi, questo è un ottimo punto di partenza.

Who is Satoshi Nakamoto

Leggete: Chi è Satoshi Nakamoto? Esaminiamo i possibili candidati

Dopo la scomparsa di Satoshi, lo sviluppo del protocollo Bitcoin è stato affidato a un gruppo di sviluppatori. In particolare, Gavin Andresen è stato uno dei principali sviluppatori e ha creato la Bitcoin Foundation nel 2012 per sostenere lo sviluppo della rete.

Nel corso degli anni, Bitcoin ha ricevuto innumerevoli contributi dalla comunità open-source e dai membri del team di sviluppo principale. Attualmente, Wladimir J. van der Laan guida il processo di rilascio e la MIT Digital Currency Initiative finanzia parte dello sviluppo di Bitcoin.

L’adozione di Bitcoin

L’adozione di Bitcoin è stata lenta e metodica. Nel 2011, WikiLeaks ha iniziato a utilizzare Bitcoin in seguito alla mancanza di opzioni per la ricezione di altre valute, dovuta alle pressioni esercitate dal governo statunitense sui processori di pagamento e su altre entità finanziarie. Satoshi Nakamoto era contrario all’idea che WikiLeaks utilizzasse il Bitcoin, in quanto avrebbe attirato l’attenzione indesiderata dei governi su una rete ancora in fase nascente e suscettibile di attacchi.

Nel corso del 2012 e del 2013 il Bitcoin è stato adottato da BitPay – il processore di pagamento del Bitcoin – e da WordPress come mezzo di pagamento per il servizio. Nel 2012 il Bitcoin ha avuto il suo primo grande mercato ribassista, con un calo di oltre il 40% fino a circa 4 dollari per BTC.

Il 2013 è stato un anno ricco di eventi per il Bitcoin, poiché il popolare exchange Coinbase ha iniziato a guadagnare trazione in quel periodo, dopo essere stato fondato nel 2012. Tra gli eventi degni di nota del 2013, la Cina ha vietato alle istituzioni finanziarie di utilizzare il Bitcoin, l’FBI ha sequestrato circa 26.000 BTC dal mercato oscuro della Via della Seta e il governo degli Stati Uniti ha iniziato ad interessarsi al Bitcoin sequestrando diversi conti della borsa di Mt. Gox. Anche la piattaforma di trading di asset digitali Shapeshift è stata lanciata nel 2013 da Erik Voorhees con il finanziamento di Roger Ver e Barry Silbert.

Nel febbraio 2014, il più grande exchange di Bitcoin – Mt. Gox – ha chiuso i battenti per problemi tecnici. Poco dopo, la borsa ha presentato istanza di fallimento in seguito alla perdita di circa 744.000 BTC, rubati in un esteso hack. L’hack ha aggravato un mercato ribassista già in corso che ha finito per durare più di un anno – comunemente noto come Crypto Winter – con il prezzo che è sceso dell’83% dal suo massimo di 1.149 dollari al minimo di 197 dollari.

The History of the Mt Gox Hack

Leggi: La storia dell’attacco a Mt Gox: la più grande rapina di Bitcoin

Coinbase ha raccolto 75 milioni di dollari in un round di finanziamento nel 2015 che conteneva anche sviluppi consequenziali come il lancio della piattaforma di contratti intelligenti Ethereum e il numero di commercianti che accettano Bitcoin superiore a 100.000.

Il principale exchange di criptovalute Bitfinex è stato violato nel 2016 per quasi 120.000 BTC. Insieme all’attacco a Mt. Gox, l’hack di Bitfinex è stato indicativo di una tendenza più ampia all’hacking delle borse che è proseguita nel 2018 e che si prevede supererà il miliardo di dollari di fondi rubati solo quest’anno. Nel 2016 il Bitcoin ha iniziato a guadagnare più trazione tra gli utenti mainstream, con la popolare piattaforma di distribuzione di giochi Steam che ha accettato i pagamenti in Bitcoin e il tasso di hash della rete che ha superato 1 exahash/sec.

Gli eventi del 2017 hanno lanciato il Bitcoin nel mainstream e con esso il più ampio settore delle criptovalute. Il prezzo del Bitcoin è salito verso la fine del 2017 insieme ai mercati più ampi, alimentato dalla massiccia speculazione sulle ICO lanciate sulla rete Ethereum. Il prezzo del Bitcoin ha raggiunto un picco di circa 20.000 dollari e la copertura dei media mainstream si è scatenata sulla speculazione dei prezzi.

Bitcoin Cash Hard-Fork

Il primo grande evento di polarizzazione del Bitcoin ha avuto luogo nell’agosto 2017, quando Bitcoin Cash ha hard-forked il protocollo per seguire una visione del Bitcoin diversa da quella della catena originale, predicata sull’aumento della dimensione del blocco come meccanismo per lo scaling on-chain. L’impennata dell’attività mainstream di Bitcoin ha portato a una serie di problemi con una mempool esaurita, commissioni elevate e una generale frustrazione nell’utilizzo della rete per i pagamenti. Ciò ha evidenziato il problema di scalabilità di Bitcoin e ha portato allo sviluppo accelerato della soluzione di scalabilità di secondo livello, la Lightning Network (LN).

A livello di protocollo, alla fine del 2017 è stato introdotto anche SegWit come metodo per contribuire ad aumentare l’efficienza della memorizzazione delle firme digitali all’interno dei blocchi e ad alleviare alcuni dei problemi di scalabilità. SegWit ha anche impostato il protocollo per la prevista transizione dalle firme digitali ECDSA alle firme Schnorr.

Sviluppi di Bitcoin

Quest’anno ha avuto diversi sviluppi significativi e intriganti per Bitcoin. Nonostante il prolungato mercato ribassista e il precipitoso declino del prezzo del Bitcoin, sceso a circa 4.300 dollari al momento della stesura di questo articolo, gli sviluppi vitali sia a livello di protocollo sia a livello di applicazioni stanno diventando consistenti. Inoltre, la crescita dell’LN sta prendendo piede e i servizi e le applicazioni costruiti su di esso stanno contribuendo a promuovere una maggiore adozione di Bitcoin come mezzo di micropagamento bidirezionale.

Ad oggi, è emersa una doppia narrazione delle transazioni on-chain di Bitcoin come livello di regolamento di grande valore e del secondo livello LN come rete di pagamenti che utilizza Bitcoin. Soluzioni che preservano la privacy come Dandelion, portafogli incentrati sulla sicurezza e sulla privacy come Samourai e strumenti di elaborazione dei pagamenti auto-sovrani come il server BTCPay sono diventati strumenti vitali per mantenere la visione iniziale di Bitcoin come mezzo di scambio di valore non censurabile, privato e sicuro. Bitcoin ha un ampio spazio di progettazione e lo sviluppo futuro in cima al protocollo principale potrebbe sfruttare Bitcoin come livello di regolamento immutabile e sicuro. Tra gli esempi di servizi collegati alla blockchain di Bitcoin c’è Liquid Sidechain di Blockstream, una rete di regolamento interscambio recentemente rilasciata. L’ottimismo potrebbe svanire nei mercati, ma queste flessioni sono spesso considerate come periodi cruciali di sviluppo sia della comunità di base che della tecnologia sottostante.

Il Bitcoin ha anche visto un’ampia accettazione – nell’ambito della finanza tradizionale – almeno come asset finanziario alternativo. Sebbene le dichiarazioni delle banche e dei dirigenti finanziari non comprendano ancora il concetto di base del Bitcoin, il fatto che sia accettato e quotato sulle principali piattaforme finanziarie come ETF rappresenta un enorme passo avanti nella consapevolezza generale rispetto ai suoi umili inizi cypherpunk.

Bitcoin Technical Design

Bitcoin è una rete di criptovalute open-source e senza permessi, mantenuta da una comunità di contributori attraverso il suo sistema di proposte BIP. La rete è protetta da un meccanismo di consenso proof-of-work (PoW) – noto come Nakamoto Consensus -, è decentralizzata, protetta crittograficamente tramite lo schema di firma digitale ECDSA e utilizza uno schema di transazione unspent transaction output (UTXO). Anche le meccaniche della teoria dei giochi giocano un ruolo di primo piano nella rete e il suo design tecnico è inserito nelle dinamiche più ampie del sistema di incentivi.

Analizzare il design tecnico di Bitcoin richiede la separazione e la valutazione dei componenti primari della rete in modo indipendente.

Le transazioni in Bitcoin

Bitcoin impiega un modello di transazione astratto ottimizzato per la sicurezza e la collegabilità, noto come schema di transazione non spesa (UTXO). Tutte le transazioni sono concatenate tra loro e i bitcoin si spostano effettivamente da una transazione all’altra sotto forma di ingressi e uscite piuttosto che da e verso gli indirizzi. Lo schema di transazione UTXO di Bitcoin è anche un metodo di contabilità a tripla entrata.

Che cos'è il Bitcoin? La guida definitiva per i principianti

Image Credit – Bitcoin Whitepaper

Le transazioni funzionano come una catena di firme digitali. Bitcoin utilizza ECDSA come firma digitale. I proprietari trasferiscono BTC a un altro proprietario firmando digitalmente l’hash di una transazione precedente insieme alla chiave pubblica del destinatario e aggiungendoli alla fine della transazione. I destinatari, come avviene per le firme crittografiche, possono verificare banalmente la validità della catena di firme digitali utilizzate per inviare il BTC. Pertanto, gli input di una transazione Bitcoin finiscono per diventare output che vengono poi spesi come input in un processo continuo. Gli utenti non possiedono effettivamente BTC, ma hanno il diritto di spendere fino a un numero specifico di uscite.

Le transazioni devono rispettare 3 regole fondamentali in Bitcoin:

  • Ogni transazione deve dimostrare che la somma degli ingressi è maggiore della somma delle uscite.
  • Ogni input a cui si fa riferimento deve essere valido e non ancora speso.
  • Le transazioni devono contenere la firma corrispondente al proprietario dell’input per ogni input.
  • Il modello UTXO fornisce diversi vantaggi diretti per Bitcoin.

    • Per quanto riguarda la scalabilità, è molto più semplice di un modello basato sugli account per una rete decentralizzata.
    • Permette al meccanismo di consenso complessivo di rimanere semplice grazie alla collegabilità degli input e degli output.
    • Crea un sistema interbloccato di registrazioni contabili che sono immutabilmente memorizzate e marcate a tempo ogni 10 minuti ed è praticamente impossibile da modificare.

    Il modello UTXO di Bitcoin consente anche di elaborare le transazioni in parallelo poiché si riferiscono a input indipendenti. Il mempool di Bitcoin è costituito dalle transazioni in attesa di conferma sulla rete. Bitcoin gestisce solo circa 5-6 transazioni al secondo (TPS) sulla catena, quindi le transazioni che non vengono elaborate immediatamente risiedono nella mempool fino a quando non vengono raccolte dai minatori e inserite nei blocchi. La mempool intasata è stata un problema importante all’apice della frenesia delle criptovalute verso la fine del 2017, dove ha portato a commissioni eccezionalmente alte e a tempi di conferma lenti.

    Bitcoin ha anche un linguaggio di scripting nativo e ridotto per implementare le funzionalità di pagamento. La proliferazione di applicazioni, sidechain e altri componenti tecnici con Bitcoin ha portato a un aumento dell’uso del linguaggio di scripting per specifiche funzionalità di pagamento.

    La blockchain di Bitcoin

    Bitcoin è la blockchain originale. La blockchain di Bitcoin è una serie di blocchi di dati collegati crittograficamente che contengono i dati delle transazioni. Un nuovo blocco viene estratto dai minatori all’incirca ogni 10 minuti e i blocchi hanno solitamente una dimensione di 1 – 1,5 MB e possono contenere fino a 3.000 transazioni a regime. Le transazioni trasmesse alla rete vengono incorporate nei blocchi dai minatori in un processo chiamato Nakamoto PoW Consensus (descritto nella sezione successiva) che convalida le transazioni e le rende sicure attraverso il lavoro computazionale.

    Il blocco originale era il blocco Genesis minato da Satoshi Nakamoto e conteneva il messaggio di testo della transazione coinbase. La transazione coinbase è la prima transazione di un blocco che viene creata dal minatore e gli consente di richiedere la ricompensa per il mining del blocco e 100 byte per i dati arbitrari. Le transazioni contenute nei blocchi vengono continuamente sottoposte a hash e accoppiate in un albero di hash binario noto come Merkle Tree fino a raggiungere l’hash radice, che rappresenta tutte le transazioni del blocco ed è memorizzato nell’intestazione del blocco.

    Che cos'è il Bitcoin? La guida definitiva per i principianti

    Image Credit – Bitcoin Whitepaper

    Ogni blocco memorizza l’hash radice del blocco precedente, collegando così crittograficamente tutti i blocchi, da cui il nome blockchain. Il libro mastro dei blocchi è interamente pubblico, trasparente e con una datazione digitale. L’hash della radice dell’intestazione del blocco corrente rappresenta lo stato dell’intera blockchain Bitcoin, dal blocco Genesis fino al blocco corrente.

    Le transazioni all’interno di un blocco non possono essere modificate senza modificare tutte le transazioni all’interno di quel blocco e tutti i blocchi successivi, grazie al collegamento crittografico delle radici Merkle tra i blocchi. Questo conferisce a Bitcoin la proprietà di immutabilità.

    I client dei nodi completi memorizzano l’intera blockchain a livello locale e propagano le transazioni attraverso la rete. Inoltre, assistono i nuovi nodi nel recuperare lo stato della blockchain Bitcoin e forniscono i dati necessari ai nodi SPV per funzionare correttamente. I nodi SPV sono client leggeri chiamati nodi (Simple Payment Verification) e non memorizzano l’intera blockchain. Piuttosto, si affidano ai nodi completi per avere un quadro preciso della blockchain. Una versione sperimentale di un nuovo protocollo light client chiamato Neutrino è stata recentemente proposta e viene sviluppata da Lightning Labs.

    Un blocco Bitcoin contiene 5 campi:

  • Magic Number – Ha sempre un valore di 0xD9B4BEF9
  • Blocksize – Dimensione del blocco
  • Blockheader – Contiene 6 parti
  • Transaction Counter – Numero intero positivo
  • Transactions – Elenco delle transazioni
  • Il Blockheader contiene 6 parti:

  • BlockVersion – Versione del blocco che cambia con gli aggiornamenti
  • hashPrevBlock – hash a 256 bit dell’intestazione del blocco precedente
  • hashMerkleRoot – hash a 256 bit basato su tutte le transazioni nel blocco
  • Time – Timestamp corrente (UTC)
  • Bits – Obiettivo corrente che cambia quando la difficoltà viene regolata
  • Nonce – Numero a 32 bit che inizia con 0 e che svolge un ruolo fondamentale nel mining.
  • Naturalmente, in una rete P2P decentralizzata di utenti pseudonimi, sorge il problema intrinseco di come garantire che lo stato della blockchain sia accurato. Superare questo problema significa garantire, con una probabilità estremamente elevata, che le transazioni incluse nei blocchi minati non vengano spese due volte. Questo è uno dei maggiori successi di Bitcoin, che ha risolto il problema della doppia spesa utilizzando un modello di proof-of-work ad alta intensità di calcolo chiamato Nakamoto Consensus.

    Nakamoto PoW Consensus and Mining

    Il consensus PoW (Proof-of-work) è stato proposto da Satoshi Nakamoto come metodo per implementare un server distribuito con data e ora (blockchain) su base P2P. Satoshi ha derivato il suo modello PoW dal progetto Hashcash di Adam Back, utilizzato per mitigare lo spam delle e-mail richiedendo piccoli calcoli. Il consenso PoW di Bitcoin è noto come Nakamoto Consensus e ha risolto il problema della doppia spesa.

    Il raggiungimento del consenso in una rete decentralizzata di nodi come Bitcoin richiede un algoritmo Byzantine Fault Tolerant (BFT). I nodi sono liberi di unirsi e abbandonare la rete in modo anonimo a piacimento, quindi deve gestire il comportamento arbitrario dei nodi maligni. Le precedenti iterazioni di algoritmi BFT, come pBFT, non sono scalabili e richiedono un grande overhead di comunicazione. Inoltre, il formato round-robin per la selezione del nodo leader non era compatibile con molti degli obiettivi del design strutturale di Bitcoin.

    Satoshi ha costruito l’algoritmo di consenso PoW di Bitcoin sul metodo di selezione del leader del blocco di un sistema simile a una lotteria in cui i minatori competono per risolvere un puzzle ad alta intensità di calcolo. Il vincitore del turno (~10 minuti) vince la ricompensa del blocco e poi il turno ricomincia. Un valore noto come nonce viene incrementato finché non viene trovato un valore che fornisce l’hash di un blocco e inizia con un numero di bit pari a zero.

    What is Nakamoto Consensus

    Leggi: Cos’è il consenso di Nakamoto? Guida completa per principianti

    Lo scopo del consenso PoW è quello di rendere costoso – dal punto di vista delle risorse computazionali – l’estrazione di un blocco, con un costo tangibile sotto forma di energia elettrica spesa per produrre la computazione che tenta di estrarre il blocco. Uno dei passaggi essenziali del white paper originale di Bitcoin che getta le basi del consenso PoW in Bitcoin e della sua sicurezza complessiva è:

    “La proof-of-work risolve anche il problema della determinazione della rappresentanza nel processo decisionale a maggioranza. Se la maggioranza si basasse su un indirizzo IP per un voto, potrebbe essere sovvertita da chiunque sia in grado di assegnare molti IP. Proof-of-work è essenzialmente una CPU-un voto. La decisione della maggioranza è rappresentata dalla catena più lunga, in cui è stato investito il maggior sforzo di proof-of-work. Se la maggior parte della potenza della CPU è controllata da nodi onesti, la catena onesta crescerà più velocemente e supererà qualsiasi catena concorrente. Per modificare un blocco passato, un attaccante dovrebbe rifare la proof-of-work del blocco e di tutti i blocchi successivi, per poi raggiungere e superare il lavoro dei nodi onesti”

    Una difficoltà di lavoro che punta a una media di 6 blocchi all’ora si basa su una media mobile per garantire il mining tempestivo dei blocchi, compensando al contempo la crescente velocità dell’hardware. Il modello PoW risultante si basa sul presupposto di sicurezza che una quantità significativa di lavoro sia stata investita nell’estrazione di un blocco. Inoltre, si ipotizza che la maggior parte dei nodi della rete non sia compromessa a causa del massiccio incentivo a NON compromettere la catena, oltre a ipotesi generali di pBFT basate sulla probabilità di un comportamento arbitrario dei nodi.

    Il miner che si aggiudica il blocco trasmette successivamente il blocco ai suoi nodi peer che lo propagano attraverso la rete per la conferma tra i nodi. Una volta che il blocco è stato confermato, il round riparte e i minatori inseriscono le transazioni nei blocchi candidati finché non trovano il valore nonce. Più si sale nella blockchain (altezza del blocco), più è improbabile modificare un blocco al di sotto dell’altezza corrente. L’ipotesi generale è che sia computazionalmente impossibile modificare un blocco in Bitcoin dopo 6 conferme di blocco in cima a quel blocco.

    Bitcoin Mining

    I minatori investono ingenti quantità di capitale in attrezzature hardware per estrarre Bitcoin, e la loro ricompensa per farlo è direttamente in Bitcoin. La teoria dei giochi del sistema è progettata in modo tale che tentare di attaccare la rete sia insostenibilmente costoso. Per attaccare la rete Bitcoin sarebbe necessario implementare un attacco al 51%, in cui un’entità malintenzionata manterrebbe il 51% o più della potenza di hash della rete e potrebbe convalidare arbitrariamente transazioni non valide o spendere due volte. Tuttavia, le probabilità di sostenere un 51% sono estremamente basse e il risultato netto non vale i costi. Secondo GoBitcoin.io, i soli costi dell’hardware per condurre un attacco al 51% di Bitcoin sono attualmente superiori a 8 miliardi di dollari, al tasso più economico.

    Alcuni componenti chiave del processo di mining in Bitcoin includono:

    • Basato sull’algoritmo di hashing SHA-256
    • La difficoltà del blocco si riaggiusta ogni 2016 blocchi (all’incirca ogni 2 settimane)
    • La ricompensa del blocco viene dimezzata ogni 210.000 blocchi (~ ogni 4 anni)
    • L’attuale ricompensa del blocco è di 12,5 BTC
    • Attualmente vengono generati 1.800 BTC al giorno

    Il processo di mining di Bitcoin svolge anche un ruolo fondamentale nell’emissione della valuta. Il mining è l’unico modo per produrre Bitcoin. A causa del dimezzamento della ricompensa ogni 210.000 blocchi, il Bitcoin è una valuta deflazionistica, poiché esisteranno sempre e solo 21 milioni di BTC. Di conseguenza, l’ultimo BTC sarà estratto nell’anno 2140. Il processo di estrazione e la sua correlazione con l’emissione di moneta hanno anche alcune implicazioni cruciali. L’emissione di denaro è storicamente molto difficile da bilanciare, e Nic Carter fornisce un’utile analisi del mercato del mining PoW:

    “Questa è l’eleganza sottovalutata del PoW: è un meccanismo per fornire token al mercato con un’intermediazione minima”. Se non siete d’accordo, siete liberi di entrare nel mercato come minatori e catturare quei margini che pensate esistano!”

    Il mining PoW di Bitcoin è anche altamente sostenibile e robusto, come dimostra il suo dominio quasi decennale tra le criptovalute. Tuttavia, il PoW è a prova di sovrano solo quando ci sono sufficienti minatori e potenza di hash che contribuiscono alla rete. Molte altcoin emergenti che utilizzano PoW semplicemente non possono eguagliare gli effetti di rete consolidati di Bitcoin che guidano la sua potenza hash di rete sempre più potente.

    Bitcoin Mining

    Leggi: Mining di Bitcoin, ne vale la pena?

    La Lightning Network

    La Lightning Network (LN) è il secondo livello di Bitcoin, la soluzione di scalabilità fuori catena. È costruita sopra il protocollo principale e consiste in una rete a maglie di canali di pagamento bidirezionali. Il termine off-chain viene utilizzato perché le transazioni non vengono elaborate direttamente on-chain, ma devono essere incluse nei blocchi e verificate dai minatori della rete a un ritmo di 5-6 TPS.

    L’LN sfrutta la funzionalità smart contract di Bitcoin attraverso contratti hash time-locked per ottenere una rete di pagamenti decentralizzata e scalabile. I canali di pagamento vengono aperti e chiusi tra due parti pubblicando una transazione sulla catena. Tuttavia, una volta aperto un canale tra due partecipanti, questi possono completare tutte le transazioni che vogliono tra loro privatamente fuori dalla catena, purché il deposito iniziale con cui hanno aperto il canale non si esaurisca.

    Che cos'è il Bitcoin? La guida definitiva per i principianti

    Leggi: Lightning Network: the 2nd Layer, Off-Chain Scaling Proposal for Bitcoin

    Gli sviluppi all’interno della LN includono swap atomici e swap sottomarini tra i clienti on-chain di Bitcoin e i clienti LN. Tutti i client LN sono client Bitcoin, ma non tutti i client Bitcoin hanno funzionalità LN. L’LN è attualmente in funzione e sta rapidamente guadagnando consensi.

    L’LN di Bitcoin vuole essere la soluzione al problema della scalabilità di Bitcoin e fornire l’infrastruttura per i micropagamenti e l’elaborazione dei commercianti della criptovaluta originale. Di conseguenza, il livello di transazione on-chain di Bitcoin può funzionare come un mezzo efficiente e a basso costo per trasferimenti di alto valore con una finalizzazione senza pari rispetto ai circuiti di pagamento tradizionali.

    Lightning Labs è uno dei principali innovatori nella tecnologia LN insieme a diverse altre aziende e seguire i loro aggiornamenti e il loro blog è un modo eccellente per rimanere aggiornati sugli sviluppi di LN.

    La governance di Bitcoin

    La governance è emersa come uno dei concetti più intriganti all’interno delle criptovalute, in particolare Bitcoin. In quanto rete decentralizzata, la governance è una proposta impegnativa che presenta un compito senza precedenti. Bitcoin ha storicamente adottato un approccio conservativo al cambiamento, con gli sviluppatori principali e la comunità più ampia che si sono impegnati a privilegiare l’affidabilità e la sicurezza.

    Il protocollo di Bitcoin non prevede un meccanismo di voto sulla catena, quindi segue un modello di governance off-chain a consenso approssimativo. In generale, possiamo definire la governance di Bitcoin come il processo attraverso il quale si raggiunge un accordo su decisioni quali l’aggiornamento del protocollo, l’implementazione dei dettagli tecnici e l’applicazione delle regole. All’interno di questo modello ci sono 3 gruppi principali:

  • Sviluppatori
  • Utenti
  • Minatori
  • Sviluppatori

    Gli sviluppatori del nucleo di Bitcoin esercitano un controllo sostanziale sul protocollo e sulla direzione futura della rete. Sono i principali detentori del codice del protocollo di base e molti di loro lavorano su Bitcoin da anni. Inoltre, sviluppatori/innovatori come Gregory Maxwell e Adam Back hanno contribuito a miglioramenti crittografici importanti e sofisticati per la rete e per il più ampio spazio delle criptovalute nel suo complesso.

    Le decisioni sulle dinamiche logistiche, come la tempistica degli aggiornamenti del protocollo principale, sono principalmente sotto il controllo degli sviluppatori del nucleo. Tale autorità, tuttavia, è stata anche oggetto di critiche. Molti sviluppatori e utenti considerano il potere degli sviluppatori del nucleo troppo influente. Nonostante le obiezioni, la persistenza di un approccio conservativo al cambiamento da parte degli sviluppatori del nucleo si è diffusa in tutta la comunità e ha creato una forma oscura ma efficace della regola della minoranza di Taleb.

    L’incentivo per gli sviluppatori del nucleo nella governance è mantenere una rete Bitcoin sana e sicura. Molti di loro hanno probabilmente un interesse sostanziale nel protocollo e la posizione è un ruolo preminente nella più ampia comunità di sviluppatori di criptovalute. Soprattutto, gli sviluppatori del nucleo di Bitcoin mostrano una propensione per valori ideologici paralleli a quelli dei sostenitori più accesi di Bitcoin, incentrati su privacy, sicurezza e resistenza alla censura. Gli sviluppatori di Bitcoin hanno anche spinto per ridurre il numero di hard fork, che dovrebbero essere ridotti al minimo a causa della loro tendenza ad aumentare la superficie di attacco sociale delle blockchain.

    Gli sviluppatori della comunità (cioè non gli sviluppatori del core) possono proporre miglioramenti del protocollo, partecipare attivamente alla discussione e persino costruire miglioramenti della rete attraverso il sistema Bitcoin Improvement Proposal (BIP). I progetti open-source sono potenti e le capacità di una comunità di contributori motivati sono illimitate. La Linux Foundation è una testimonianza del potere della tecnologia open-source e l’esistenza quasi decennale di Bitcoin sta emergendo come un altro profondo esempio.

    Pierre Rochard fornisce un’eccellente analisi delle componenti tecniche di come i miglioramenti vengono ricercati, proposti, implementati, distribuiti e applicati in Bitcoin.

    Utenti

    Molti utenti di Bitcoin sono incuriositi dal concetto della tecnologia sottostante e pongono una forte enfasi sulla privacy. Altri utenti lo fanno solo per speculare sui prezzi o per avere una riserva di valore in grado di rivaleggiare con l’oro. Qualunque sia la ragione per cui si entra nello spazio Bitcoin, non è mai stato così vantaggioso per l’utente come ora. Per gli utenti che cercano una tregua dalle valute inflazionate emesse dai governi, il Bitcoin è una valida alternativa come riserva di valore e mezzo di scambio, nonostante le sue carenze in termini di scalabilità e volatilità.

    Come asset speculativo, il Bi la volatilità dei prezzi del tcoin è fantastica ma rischiosa. La maggior parte della comunità principale di Bitcoin, tuttavia, partecipa probabilmente per motivi ideologici o per pura curiosità, in particolare per la privacy e per la nozione di un sistema di valori decentralizzato al di fuori del governo e di altri mezzi coercitivi di controllo.

    Gli utenti, come parte del modello di governance, svolgono l’importante ruolo di gestire i nodi della rete (alcuni di essi) e di fungere da indicatore per la direzione dello spazio di progettazione che le applicazioni Bitcoin costruiscono all’interno, in cima al livello del protocollo. La proliferazione di applicazioni, aziende e strutture di pagamento dovrebbe continuare ad un ritmo accelerato. Gli utenti sono il parametro per determinare la percezione della direzione del livello applicativo. I processori di pagamento centralizzati, come BitPay, hanno perso il favore di molti utenti, mentre altre opzioni, come il server BTCPay, stanno aumentando. Inoltre, il desiderio di ulteriori miglioramenti della privacy, la preferenza per un maggior numero di opzioni di portafogli non custodiali, migliori opzioni di passaggio da fiat a cripto, scambi decentralizzati e una migliore liquidità hanno portato all’accumulo di applicazioni e servizi che erano sogni lontani solo pochi anni fa.

    Gli utenti non hanno un effetto diretto significativo sugli aggiornamenti dei protocolli o sui miglioramenti crittografici. Tuttavia, influiscono indirettamente su tali decisioni influenzando le entità commerciali e i commercianti che svolgono un ruolo significativo nel sentimento più ampio della direzione della rete.

    Minatori

    Gli obiettivi primari dei minatori sono la sicurezza della rete e il profitto. Il valore del loro lavoro aumenta con l’aumento dei prezzi dei Bitcoin e possono prevedere le future ricompense dei blocchi in base alla correlazione della loro potenza di hash con la potenza di hash complessiva della rete. L’equilibrio tra coordinamento e incentivi è una sfida per i minatori, ma finora è rimasto notevolmente sostenibile.

    Fred Ehrsam fornisce un’analisi approfondita sull’allineamento degli incentivi all’interno dell’ecosistema Bitcoin. Buck Perley paragona i minatori al sistema giudiziario all’interno di un modello di governance federata in cui i minatori decidono se adottare o meno nuovi aggiornamenti del protocollo. I minatori possono rifiutarsi di aderire ai nuovi aggiornamenti del protocollo proposti dagli sviluppatori e rimanere nella catena che non li implementa. Al contrario, la loro adozione di miglioramenti del protocollo – attraverso l’esecuzione del nuovo software del nodo – segnala il consenso tra i minatori e gli sviluppatori sulle nuove funzionalità.

    Che cos'è il Bitcoin? La guida definitiva per i principianti

    Image Credit – Buck Perley

    Il design teorico dei giochi di Bitcoin prevede che sia nel migliore interesse di tutti i partecipanti alla rete (minatori, sviluppatori, utenti) mantenere la fiducia nel sistema. Tuttavia, alcuni incentivi sono disallineati, ad esempio i minatori vogliono aumentare le commissioni delle transazioni future per aumentare i profitti, mentre gli utenti desiderano ridurre le commissioni. Il Bitcoin è rimasto affidabile per un decennio grazie alla sua capacità di bilanciare gli incentivi e ridurre l’effetto delle asimmetrie. Tuttavia, l’industria del mining è ancora giovane. È ancora da vedere se emergerà una maggiore concorrenza o se il mercato tenderà alla centralizzazione.

    Economia del Bitcoin

    Il Bitcoin è un mezzo di scambio di valore deflazionistico che viene visto attraverso diverse lenti. La quantità di BTC emessi per ogni blocco estratto viene ridotta del 50% ogni 4 anni e viene definita “dimezzamento” Ciò continuerà fino all’anno 2140, quando il Bitcoin raggiungerà la sua fornitura totale fissa di 21 milioni. L’attuale ricompensa di blocco è di 12,5 BTC, e l’offerta in circolazione è attualmente di circa 17.393.600.

    L’emissione di bitcoin attraverso un meccanismo di mining PoW risolve uno dei problemi fondamentali dell’emissione di nuove valute. L’attività di mining si basa su un mercato aperto e competitivo di minatori per coniare le monete, anziché stampare la moneta dal nulla, con conseguente inflazione. Promuovere l’adozione di una nuova valuta è difficile, ma quando si crea un mercato competitivo per la sua emissione, i partecipanti sono incentivati a partecipare al processo di emissione e il prezzo si avvicina all’equilibrio in modo molto più naturale rispetto ai modelli di controllo centralizzati.

    Il design economico e decentralizzato di Bitcoin segue in gran parte il pensiero della Scuola Austriaca di Economia. Questo è in contrasto con l’economia keynesiana e il sistema bancario a riserva frazionaria della maggior parte delle economie moderne.

    Il Bitcoin è spesso visto come “denaro sano”, emesso a un tasso prevedibile e non soggetto a controllo centralizzato. Il Bitcoin presenta svantaggi intrinseci rispetto alle valute fiat, come la sovranità monetaria e la possibilità di adattare la politica monetaria alle esigenze dell’economia a causa della mancanza di controllo. Tuttavia, l’idea che il Bitcoin debba sostituire completamente le valute fiat è eccessivamente ambiziosa e non tiene conto delle sfumature specifiche delle valute locali che presentano molteplici vantaggi. Il Bitcoin è più che altro una moneta Internet evoluta, progettata per aggirare molti dei problemi endemici che affliggono la finanza tradizionale e che portano alla corruzione, alla coercizione e a una politica monetaria insostenibile. Come ha recentemente affermato Hasu, un ricercatore indipendente di Bitcoin:

    “I sostenitori di Bitcoin sono guidati da un interesse collettivo nell’esplorare come possiamo evolvere il denaro per una società migliore e come possiamo rendere il sistema finanziario globale più stabile e distribuito”

    Il design economico di Bitcoin è nuovo perché esiste al di fuori del sistema finanziario. È un denaro veramente “libero”, ma anche una sorta di esperimento sociale avanzato. Il Bitcoin è rimasto straordinariamente robusto per tutta la sua durata, ma i prossimi anni dovrebbero fare maggiore luce sull’efficacia del suo design economico man mano che continuerà a evolversi e a ottenere un’adozione più diffusa.

    Narrazioni in evoluzione del Bitcoin

    La narrazione del Bitcoin si è evoluta più volte da quando è nato come un oscuro progetto cypherpunk a una tecnologia nascente all’avanguardia dell’innovazione e del dibattito controverso. Il tribalismo sulla percezione di ciò che la criptovaluta dovrebbe essere ha plasmato molte delle narrazioni nel corso della sua storia, ma oggi diverse fazioni vedono il Bitcoin semplicemente attraverso prismi diversi, a seconda del loro livello di interazione con la criptovaluta tradizionale. Le due principali scuole di pensiero sul Bitcoin sono:

  • Censura e deposito di valore resistente alle manomissioni e strato di regolamento
  • Contante digitale P2P
  • Il dibattito tra questi due schieramenti nasce principalmente dal livello del protocollo e se il futuro della capacità di elaborazione on-chain di Bitcoin debba o meno essere costruito attorno a una rete di contante digitale P2P con blocchi più grandi o a uno strato di regolamento di alto valore simile a un oro digitale flessibile.

    I sostenitori del livello on-chain di Bitcoin come livello di regolamento lo vedono come un mezzo di scambio di alto valore non inflazionabile, resistente alla censura, sicuro e decentralizzato. Il regolamento delle transazioni è molto più rapido rispetto ai mezzi tradizionali e le basse commissioni rendono il processo estremamente efficiente. Inoltre, i sostenitori di questa ideologia considerano l’LN come la soluzione di scalatura necessaria per utilizzare Bitcoin come rete di pagamenti P2P invece di scalare sulla catena. L’integrazione di miglioramenti tecnici più sfumati, come le firme Schnorr per i multisig aggregati e SegWit per un’efficace scalatura, sono anche la posizione di questo campo.

    Al contrario, i sostenitori del Bitcoin come contante digitale P2P tramite scalatura on-chain sono principalmente la comunità Bitcoin Cash. Tuttavia, Bitcoin Cash ha recentemente subito una biforcazione in Bitcoin ABC e Bitcoin SV, e le conseguenze di questa scissione non sono ancora state realizzate. Le microtransazioni sono una parte vitale del commercio su Internet e i sostenitori del Bitcoin come moneta digitale P2P vedono in questo la vera visione di Satoshi. Tuttavia, la scalata on-chain comporta molti compromessi che sono difficili da razionalizzare a lungo termine. Bitcoin Cash è rimasto indietro rispetto a Bitcoin soprattutto per questo motivo.

    Che cos'è il Bitcoin? La guida definitiva per i principianti

    Image Credit – Hasufly and Nic Carter – Visions of Bitcoin

    Il sentimento attuale di Bitcoin come livello di regolamento di alto valore e deposito di valore a lungo termine è la visione dominante nella comunità più ampia. Le analisi di Hasufly/Nic Carter e Murad Mahmudov/Adam Tache trattano ampiamente l’argomento del cambiamento della narrativa di Bitcoin e sono eccellenti per comprendere ulteriormente come la percezione di Bitcoin si sia evoluta nel corso degli anni.

    La comunità di Bitcoin è cresciuta in modo sostanziale dai suoi inizi cypherpunk ed è sbocciata in una società open-source di pensiero innovativo, sviluppo tecnico e creatività. Tuttavia, argomenti polarizzanti e tribalismo sono prevalenti nella comunità. Ciononostante, l’obiettivo più ampio del Bitcoin – a prescindere dalla narrativa in cui si crede – è un’ideologia vincolante che molti condividono. Al netto delle discussioni su implementazioni tecniche, soft fork, hard fork e altre questioni, i valori che molti membri della comunità condividono sono gli stessi. In primo luogo, questi valori sono la privacy, la resistenza alla censura e la convinzione di un denaro sano e libero da controlli coercitivi.

    Uno dei concetti più intriganti di Bitcoin è l’idea che sia socialmente scalabile, un concetto creato da Nick Szabo nel suo post sul blog Unenumerated “Money, Blockchains, and Social Scalability” Per citare una sintesi della sua posizione:

    “La scalabilità sociale è la capacità di un’istituzione – una relazione o un’impresa condivisa, alla quale partecipano ripetutamente più persone, e che è caratterizzata da consuetudini, regole o altre caratteristiche che vincolano o motivano i comportamenti dei partecipanti – di superare le carenze delle menti umane e degli aspetti motivanti o vincolanti di tale istituzione che limitano chi o quanti possono partecipare con successo. La scalabilità sociale riguarda i modi e le dimensioni con cui i partecipanti possono pensare e rispondere alle istituzioni e agli altri partecipanti man mano che la varietà e il numero di partecipanti a tali istituzioni o relazioni crescono. Si tratta di limiti umani, non di limiti tecnologici o di risorse fisiche”

    Szabo spiega che le carenze tecniche di Bitcoin sono state un brillante compromesso con qualcosa di più prezioso, la scalabilità sociale di un mezzo di scambio di valore pubblico e decentralizzato. Un sistema di questo tipo elimina la necessità intrinseca delle persone di fidarsi implicitamente di terzi, che egli definisce anche come falle nella sicurezza. La minimizzazione della fiducia di Bitcoin e la capacità dei partecipanti di beneficiare della sua esistenza senza essere influenzati negativamente dalla coercizione, in un sistema di cui non hanno bisogno di capire il motivo o il funzionamento, è un’impresa enorme. La capacità di Bitcoin di conferire questa opportunità ai partecipanti e di esistere come base socialmente scalabile per lo scambio di valore è un principio vincolante all’interno della comunità che ha sicuramente contribuito alla sua crescita nel corso degli anni.

    Social Scalability

    Leggi: Cos’è la scalabilità sociale e come si applica alle criptovalute?

    Il Bitcoin ha gli effetti di rete più forti e consolidati di qualsiasi comunità di criptovalute. Ci sono quasi 1 milione di iscritti al subreddit principale di Bitcoin, e uno studio dell’Università di Cambridge ha collocato il numero di utenti attivi di criptovalute in tutto il mondo tra i 2,9 e i 5,8 milioni, con Bitcoin che rappresenta la stragrande maggioranza.

    Gli argomenti sono spesso polarizzati all’interno della comunità Bitcoin, e anche se spesso sono guidati dalla passione per il movimento sottostante, in molti casi sono diventati tossici. La faida in corso tra gli schieramenti del recente hard fork di Bitcoin Cash – in particolare tra Roger Ver e Craig Wright – è un esempio recente di alto profilo di questa tossicità.

    La comunità Bitcoin riceve critiche anche al di fuori dei suoi confini, principalmente dai media mainstream, dai gold bug, da alcuni economisti (ad esempio Nouriel Rubini) e dai ferventi sostenitori del sistema bancario a riserva frazionaria, come banche e altri dirigenti finanziari. La copertura dei media mainstream sul Bitcoin, e sulle criptovalute in generale, è peggiore della media e tende a concentrarsi solo sui movimenti di prezzo. L’influenza dei media sulla percezione pubblica della tecnologia e del pensiero è profonda, quindi le sfide della comunità Bitcoin per superare l’ignoranza sui principi per cui si batte sono formidabili.

    Il panorama normativo

    Il panorama normativo globale delle criptovalute è vario e ancora in formazione. Negli Stati Uniti, l’azione e le posizioni definitive della SEC, dell’IRS e della CFTC sono state frustranti e lente, soprattutto per le entità commerciali e gli scambi del settore. La SEC ha fatto diversi commenti sulle criptovalute – in particolare sulle ICO – e sulla sua intenzione di perseguire i titoli fraudolenti o illegali. Recentemente, un caso emblematico con Airfox e Paragon ha segnalato la potenziale valutazione retroattiva delle ICO.

    Le preoccupazioni sulle ICO non riguardano tuttavia il Bitcoin. La SEC ha infatti rilasciato diverse dichiarazioni in cui afferma che il Bitcoin non è un titolo. Inoltre, diverse sentenze hanno confermato con la CFTC che il Bitcoin è considerato – almeno a livello federale – una commodity. Gli ETF sul Bitcoin sono in attesa di approvazione da parte della SEC e i media si sono concentrati molto su questo sviluppo. Bakkt – un’imminente piattaforma di contratti futures su Bitcoin – ha recentemente ritardato il suo lancio a gennaio 2019, ma l’opinione popolare è che la piattaforma attirerà un ampio interesse da parte della finanza istituzionale con Bitcoin.

    Bitcoin ETF

    Leggi: Cos’è un ETF Bitcoin: guida completa per i principianti

    Considerando la quantità di innovazioni tecnologiche che sono arrivate con il Bitcoin, sarebbe un giudizio inferiore da parte del governo degli Stati Uniti inibire la sua crescita attraverso restrizioni normative. Molti sviluppi nel Bitcoin stanno promuovendo una maggiore adozione attraverso interfacce utente più amichevoli, migliori applicazioni di portafoglio, metriche e funzionalità di scambio. Ostacolare la loro crescita attraverso la burocrazia sarebbe dannoso per la crescita dell’intero settore. Tuttavia, sta diventando sempre più chiaro che l’ambiente normativo probabilmente lascerà proliferare il Bitcoin negli Stati Uniti.

    Il rifiuto di aumentare le procedure KYC/AML con le criptovalute ha anche portato a numerosi scambi decentralizzati e mercati P2P, a miglioramenti della privacy a livello di protocollo, a servizi di portafoglio orientati alla privacy come Samourai e a portafogli di stoccaggio a freddo come Ledger e Trezor. L’enfasi sulla privacy, sulla sicurezza e sull’autonomia dai governi persisterà inevitabilmente nella comunità di base e sarà il modo in cui molte delle tecnologie e delle soluzioni più innovative nasceranno in Bitcoin.

    Sviluppi futuri di Bitcoin

    Bitcoin è in costante sviluppo e adattamento. La roadmap futura presenta alcuni concetti intriganti e sofisticati che dovrebbero rivelarsi vitali per la sostenibilità della rete e la sua direzione narrativa.

    Seguire il sistema BIP è il modo migliore per rimanere in cima agli aggiornamenti incombenti e alle proposte tecniche, ma richiede tempo ed è orientato agli sviluppatori. Altri metodi per rimanere nel giro includono seguire le figure di spicco di Bitcoin sui social media, utilizzare i subreddit di Bitcoin e digerire i contenuti dei siti di notizie sulle criptovalute come Coindesk.

    Il continuo sviluppo della Lightning Network di Bitcoin è una delle principali tendenze da osservare con attenzione nei prossimi mesi e anni, in quanto potrebbe consentire a Bitcoin di funzionare come sistema di pagamenti P2P e come livello di regolamento di alto valore contemporaneamente. Anche le firme Schnorr sono un’implementazione significativa destinata a essere integrata nel protocollo nel 2019. Le firme Schnorr sono considerate la migliore firma crittografica disponibile e sono state uno degli obiettivi principali degli sviluppatori del nucleo da aggiungere al protocollo per diversi anni.

    Anche la crescita degli swap atomici e degli swap sottomarini è cruciale, in quanto possono consentire la funzionalità cross-chain (incluso LN) tra Bitcoin e altre blockchain. Ci sono una miriade di sviluppi che avvengono all’interno della comunità Bitcoin, ed è sempre meglio fare le proprie ricerche.

    Risorse Bitcoin per saperne di più

    Le risorse per saperne di più su Bitcoin sono apparentemente infinite a questo punto, ma ecco un elenco di vari tipi di risorse che contengono tutti i livelli di informazione.

    Il Bitcoin Whitepaper: Bitcoin: A Peer-to-Peer Electronic Cash System – Satoshi Nakamoto

    Libri

    • Mastering Bitcoin – Andreas Antonopoulos
    • The Bitcoin Standard – Saifedean Ammous
    • The Internet of Money (Volumes 1 & 2) – Andreas Antonopoulos
    • Bitcoin e tecnologie delle criptovalute – Princeton Textbook

    Blog

    • Unenumerated – Nick Szabo
    • Less Wrong e WeiDai.com – Wei Dai
    • Vitalik Buterin – Fondatore di Ethereum
    • Jameson Lopp – Sviluppatore di Bitcoin e CTO di Casa
    • Jimmy Song – Sviluppatore ed educatore di Bitcoin
    • Nic Carter – Partner di Castle Ventures e Co-Fondatore di Coinmetrics.io
    • BitMEX Research – Braccio di ricerca della borsa BitMEX
    • Hacking, Distributed – Emin Gun Sirer
    • Peter Todd – Sviluppatore di Bitcoin Core
    • Willy Woo – Ricercatore di criptovalute guidato dai dati
    • Truthcoin – Paul Sztorc
    • Hasu – Ricercatore indipendente di Ricercatore Bitcoin

    • Bitgold – Nick Szabo – Pioniere delle criptovalute e creatore di contratti intelligenti
    • Hashcash – Adam Back
    • B-Money – Wei Dai
    • DigiCash – David Chaum
    • E-Gold – Douglas Jackson e Barry Downey

    Risorse generali

    • Istituto Nakamoto – Tutto, dalle email di Satoshi alla letteratura sulle criptovalute.
    • Jameson Lopp Bitcoin Resources
    • Bitcoin.org
    • Blockgeeks
    • Blockcypher – Block Explorer
    • Blockstream.info

    News Sites

    • Blockonomi
    • Coindesk
    • Cointelegraph
    • The Block
    • CCN
    • Bitcoin.com

    Network Metrics

    • CoinMetrics
    • CoinDance
    • Blockchain
    • Onchainfx
    • Bitcoin Charts
    • Satoshi.info

    Corsi online

    • Udemy – Corso di criptovaluta e blockchain
    • Udacity – Corso per sviluppatori di blockchain
    • Khan Academy – Corso di Bitcoin
    • Coursera – Corso di criptovaluta

    Conclusione

    Dalle umili origini del 2008 e da un fondatore anonimo, il Bitcoin è emerso come una delle tecnologie più innovative dei tempi moderni. Portando con sé un’intera industria, il Bitcoin ha generato un movimento verso il denaro sano, una maggiore privacy e la resistenza alla censura da parte delle autorità coercitive.

    Il Bitcoin ha fatto molta strada, e ne ha ancora molta da fare.

    Altre storie
    La governance imprevedibile e pesante della Cina minaccia la crescita
    La governance imprevedibile e pesante della Cina minaccia la crescita