Cummins guida gli sforzi a basse emissioni di carbonio con un nuovo approccio alle opzioni di propulsione

Cummins guida gli sforzi a basse emissioni di carbonio con un nuovo approccio alle opzioni di propulsione

  • Da
  • Lee Toop
  • 14 febbraio 2022

In uno sforzo per espandere la decarbonizzazione, Cummins sta espandendo le sue piattaforme powertrain per fornire agli acquirenti un accesso più facile ai tipi di carburante a basso contenuto di carbonio. Una serie di piattaforme di motori agnostici al combustibile sarà portata sul mercato, usando basi e parti comuni mentre funzionano con diversi combustibili.

Queste piattaforme di motori useranno blocchi di motori e componenti di base che condividono architetture, e saranno ottimizzati per diversi tipi di carburante a basse emissioni di carbonio. Il nuovo approccio progettuale coinvolgerà i motori Cummins delle serie B, L e X, e ciascuno sarà disponibile con gasolio, idrogeno o gas naturale.

“Arrivare a zero non è un evento da interruttore della luce. Le emissioni di carbonio che immettiamo oggi nell’atmosfera avranno un impatto duraturo. Questo significa che qualsiasi cosa possiamo fare per iniziare a ridurre l’impronta di carbonio oggi è una vittoria per il pianeta. Dobbiamo agire ora”, ha detto Srikanth Padmanabhan, presidente di Cummins Engine Business. “Avere una varietà di opzioni a basse emissioni di carbonio è particolarmente importante considerando la variazione dei cicli di lavoro e degli ambienti operativi nei molti mercati che serviamo. Non c’è un’unica soluzione o una “pallottola magica” che funzionerà per tutti i tipi di applicazioni o per tutti gli utenti finali”.

Cummins afferma che le nuove versioni del motore avranno componenti in gran parte simili sotto la guarnizione della testa, e sopra la guarnizione della testa saranno progettati per i diversi tipi di carburante. Questa comunanza di parti offrirà maggiori benefici sia per gli OEM di autocarri che per gli utenti finali, rendendo più facile per gli OEM integrare un motore attraverso il suo telaio di autocarri, offrendo una gamma di tipi di carburante come richiesto dai clienti. La formazione dei tecnici sarà ridotta, rendendo più basso il costo totale di proprietà.

“Questo è un nuovo modo di progettare e sviluppare propulsori a combustione interna a basse emissioni che soddisfano le esigenze uniche del settore dei trasporti, sfruttando al contempo i vantaggi di un’architettura di prodotto comune e di un’impronta comune, ove possibile”, ha dichiarato Jonathon White, vicepresidente di Engineering, Engine Business. “Questo approccio tecnologico unico permetterà agli utenti finali di scegliere senza soluzione di continuità il powertrain giusto per la loro applicazione con il più basso impatto di CO2”.

Cummins mira a zero emissioni nette entro il 2050, e parte di questa mossa è quella di ridurre le emissioni dei nuovi prodotti venduti del 25% e, in collaborazione con i clienti, di ridurre le emissioni dei prodotti sul campo di 55 milioni di tonnellate entro il 2030.

“Cummins sta innovando ad ogni livello dell’azienda per trovare nuovi modi di lavorare che usino meno risorse del mondo e l’Engine Business è al centro di questa eccitante innovazione”, ha detto Padmanabhan. “Sappiamo che il nostro pianeta non può aspettare la soluzione perfetta. Invece, il nostro approccio deve essere uno sforzo combinato di usare energia a zero emissioni dove è disponibile e usare energia più pulita dove non lo è. Il pianeta non può permettersi che nel frattempo ci fermiamo”.

Altre storie
Produzione di bitume: Le industrie di Technix occhi ruolo come Z Energy piani di uscita
Produzione di bitume: Le industrie di Technix occhi ruolo come Z Energy piani di uscita