David Copperfield rivela le foto del suo museo privato della magia di Las Vegas nel nuovo libro

David Copperfield rivela le foto del suo museo privato della magia di Las Vegas nel nuovo libro

Uno dei tesori poco conosciuti di Las Vegas è il famoso museo privato di magia di David Copperfield, situato in un magazzino fuori dalla Strip, che è stato visitato nel corso degli anni da personaggi come Taylor Swift, Guillermo del Toro, Hugh Jackman e il produttore Jason Blum.

Ora, Copperfield ha pubblicato un libro che documenta il suo immenso tesoro di memorabilia, dalla cella di tortura ad acqua di Harry Houdini e la sega rotante di Richiardi Jr. al fucile che ha ucciso il mago Chung Ling Soo dopo un tentativo fallito di fare la sua famosa prodezza di acchiappa proiettili.

In David Copperfield’s History of Magic (Simon & Schuster, $35), usa gli oggetti della sua collezione come punti di partenza per raccontare le storie degli affascinanti, a volte diabolici e sempre inventivi maghi che lo hanno preceduto e perché sono degni di attenzione.

Tra gli altri oggetti, la sua collezione contiene un vestito che si dice sia stato indossato da Adelaide Herrmann, l’autoproclamata Regina della Magia nel 1800; l’Expanding Die di Buatier de Kolta, una “impresa diabolicamente difficile da eseguire … che cresce davvero da otto pollici a tre piedi e mezzo in un batter d’occhio”; la “The Disembodied Princess” di Howard Thurston, un trucco in cui la testa e le gambe della sua assistente rimanevano al loro posto mentre la sezione centrale scompariva.

Copperfield ha parlato con The Hollywood Reporter dei suoi ulteriori piani per il museo, inclusa la sua conservazione a lungo termine, del perché non ha mai tentato il trucco dell’acchiappa proiettili e di come i suoi segreti di magia siano finiti sulla superficie della luna.

Qual è un oggetto del Santo Graal che vorrebbe ottenere per il museo?

Il Santo Graal sarebbero le conversazioni con quelle persone. Gli oggetti aprono le porte ma le storie sono il punto.

Lei ha notoriamente fatto sparire la Statua della Libertà nel 1983. Negli ultimi anni, un certo numero di persone ha tentato di spiegare come hai fatto, compreso il fatto che gli spettatori stavano tutti su una specie di Susan pigra gigante che girava così lentamente che nessuno l’ha notato. Cosa ne dici?

Beh, sai, è incredibile. Ci sono così tante versioni di come faccio le mie cose là fuori e le persone sono sorprese quando vanno su internet – ‘Beh qualcuno sta rivelando i tuoi segreti’ Indovina un po’? Sai chi l’ha fatto? Ho fatto quei video di metodi sbagliati. La gente crede davvero che quei metodi siano reali quando in realtà sono una specie di fantasia per depistare la gente.

Hai mai voluto fare il trucco dell’acchiappa proiettili?

No, perché non vuoi che qualche bambino ti copi. Ho fatto un sacco di cose pericolose. Sono scappato da un edificio che implodeva, ma è una cosa difficile da copiare per un bambino. Ho fatto una fuga subacquea in una vasca d’acqua e una performance in una camicia di forza e sono andato sopra le cascate del Niagara. Difficile da duplicare.

Mi stupisce che nel vostro museo abbiate dei penny che il presidente Lincoln teneva in mano.

Sono passati attraverso la sua mano. È un classico della magia. Non si fa molto oggi, dove si fa una penetrazione di passaggio attraverso gli oggetti. In questo caso, è attraverso la mano di qualcuno. Passò attraverso la mano di Lincoln. A Lincoln piaceva la magia e questo mi piaceva.

Avete fatto qualche cambiamento al museo della magia di recente?

È diventato incredibile. Abbiamo costruito un’intera biblioteca, un intero centro di ricerca. Abbiamo appena fatto un tour ieri sera per un ragazzo che ha lavorato al negozio di magia Tannen’s nel 1954 quando aveva 14 anni. Ho ricreato il negozio al museo. La gente inizia a piangere e si emoziona molto. È una specie di mondo perduto che ha davvero plasmato la vita di molte persone. Così tanta cultura è stata informata dall’idea di meraviglia condivisa.

Tutto il vostro museo è iniziato a causa di una collezione di oggetti che vi è stata offerta, giusto?

All’inizio c’era un tizio chiamato John Mulholland. Era un amico di Houdini ma uno storico della magia e un artista. Ha anche lavorato per la CIA sull’uso di tecniche magiche durante la guerra fredda e anche prima. La sua collezione fu venduta, fu data al Players Club di New York e rimase lì. La gente continuava a prendere segretamente delle cose da lì. Alla fine, un altro tizio la comprò. Ebbe problemi legali e fu messa all’asta dal governo. Quello che è successo è che sono stato portato qui per comprarlo. Stava per essere diviso. Qualcuno mi disse: ‘Non puoi lasciare che accada. La collezione è una cosa molto importante” L’ho comprata e non ho guardato molto alla storia della magia in quel periodo. Stavo davvero inventando nuove illusioni. Andavo avanti. Non ho mai guardato indietro.

Allora cosa è cambiato nella tua prospettiva?

Col senno di poi, avrei dovuto davvero guardare indietro. Dopo aver comprato la collezione per salvarla, ho imparato a conoscere le storie di tutti questi individui. Si tratta di queste incredibili storie di persone che hanno davvero cambiato la storia e cambiato il mondo usando la tecnologia e usando tecniche che non esistevano prima. All’inizio esistevano come effetti magici e la società ne ha tratto beneficio usandoli nella vita quotidiana.

Che tipo di invenzioni?

La prima casa intelligente ad esistere è stata per effetti magici. Ora in ogni negozio di alimentari, la porta si apre da sola. Questo è iniziato come un effetto magico. I film, il cinema erano effetti magici. Andavi a vedere un treno che veniva verso di te e fu il mago George Méliès che decise che avremmo raccontato storie con questo. Comprò il teatro di Robert Houdini ed eseguì la sua magia e poi abbracciò questa nuova tecnologia. Se avete visto il film Hugo, racconta molto bene la storia.

Una delle prime illusioni create da Houdini si chiamava Levitazione Eterea. L’etere, la sostanza chimica che può farti addormentare, era una novità assoluta negli anni 1840 e la gente ne parlava. Wow, una sostanza chimica che puoi mettere sul naso e la gente si addormenta. Oh, mio Dio. Una cosa incredibile. L’ha incorporato nello spettacolo facendo levitare suo figlio piccolo e facendo passare l’etere tra il pubblico. Ha stratificato quell’idea sulla levitazione per darle una conversazione attuale. Vent’anni fa ero in Francia e alcuni storici francesi mi misero in mano il marchingegno di quella levitazione eterea, quello originale di Houdini e mi misi a piangere. Fu l’inizio di tutto ciò che mi ha coinvolto. Un po’ come Guillermo del Toro è venuto al museo alcuni anni fa e ha visto tutta la roba di Méliès. Si è commosso molto e ha detto: ‘Beh, è l’inizio di tutto. È il motivo per cui faccio quello che faccio” Perché Méliès ha dato inizio a tutta quella cultura dell’uso della tecnologia cinematografica per raccontare storie.

Qualche piano per continuare ad espandere il museo?

I prossimi passi sono tutti i set magici. Ho la più incredibile collezione di set magici. Faremo una collezione di quelli e di marionette, tutte le cose possedute da Edgar Bergen e Shari Lewis e Paul Winchell, che era la voce di Tigro, e altro. Ho tutte queste cose.

Come preserverai la collezione a lungo termine?

Ho passato tre decenni a mettere insieme queste storie e il mio obiettivo è quello di dotarla, di assicurarmi che ci siano abbastanza soldi per creare una fondazione che la preservi. E fare in modo che la gente possa passare di lì su una base che ne preservi i segreti. Non posso davvero fare tour pubblici del museo. Ci sono così tanti segreti coinvolti.

Quindi stai dicendo che ci sono segreti di altri maghi che non vuoi che siano rivelati che sono nel museo?

Migliaia e migliaia. E’ tutto qui. Ci sono più libri sulla magia dicono che su tutto tranne che sulla medicina. Ecco quanta letteratura c’è. I maghi amano preservare la loro eredità e i loro segreti attraverso i libri e queste cose sono tenute molto preziose e mantenute.

E anche tutti i segreti delle tue illusioni sono da qualche parte nel museo?

Le mie cose sono effettivamente in un posto molto speciale. Abbiamo messo tutti i miei segreti incisi in dischi di nichel che dureranno per sempre. Il nichel durerà per miliardi di anni. È tutto miniaturizzato e serve un microscopio per vederlo. L’abbiamo lanciato nello spazio e l’anno scorso si è schiantato sulla luna con un lander. E così i miei segreti sono letteralmente sulla luna. Quel pacchetto di conoscenza potrebbe essere trovato un giorno. È piuttosto sorprendente uscire di casa e pensare: ‘La mia roba che ho toccato e su cui ho lavorato per tutta la vita, l’ho conservata in una forma non degradabile sulla nostra luna, il che è piuttosto incredibile.’

 

Altre storie
F1: chiamatelo Lewis Hamilton-Larbalestier
F1: chiamatelo Lewis Hamilton-Larbalestier