I russi consapevoli di Bitcoin sono divisi sulla proposta di divieto delle criptovalute, secondo un sondaggio

I russi consapevoli di Bitcoin sono divisi sulla proposta di divieto delle criptovalute, secondo un sondaggio

Russians Aware of Bitcoin Divided on Proposed Crypto Ban, Poll Finds

Un nuovo sondaggio ha indicato che i russi che hanno sentito parlare di criptovalute sono profondamente divisi nelle loro opinioni sul divieto recentemente suggerito sulle operazioni con beni digitali. Un terzo degli intervistati sostiene la proposta della banca centrale, mentre un numero uguale di partecipanti al sondaggio si oppone.

La richiesta della Banca di Russia di proibire le criptovalute è sostenuta dal 32% dei russi che conoscono Bitcoin

In mezzo alle discussioni in corso sul futuro delle valute digitali, il Centro russo di ricerca sull’opinione pubblica (Vtsiom) ha pubblicato un nuovo studio che misura gli atteggiamenti dei cittadini russi verso le criptovalute e le operazioni con esse. Arriva mentre i funzionari stanno cercando di mettere ordine nello spazio cripto del paese, non senza disaccordi tra i regolatori.

Secondo il sondaggio, la maggioranza dei russi (64%) ha sentito parlare di bitcoin e il 17% ha una buona conoscenza della criptovaluta, un aumento di quattro punti percentuali rispetto ai dati di un sondaggio del 2017. La quota di coloro che sono totalmente all’oscuro della sua esistenza si è ridotta di 11 punti a solo il 19%.

Secondo la Russian Association of Cryptoeconomics, Artificial Intelligence and Blockchain (Racib), oltre 17 milioni di russi hanno portafogli di criptovalute. I cittadini russi hanno investito 5 trilioni di rubli in criptovalute (oltre 67 miliardi di dollari), ha annunciato a dicembre il capo del Comitato del mercato finanziario della Duma di Stato, Anatoly Aksakov.

La crescente popolarità delle criptovalute ha costretto Mosca a prendere provvedimenti per regolare il mercato. Citando le minacce alla stabilità finanziaria della nazione e i rischi per i suoi cittadini, la Banca di Russia ha proposto un divieto generale su una serie di attività di criptovalute tra cui l’emissione, l’uso, il commercio e il mining di monete come il bitcoin. La proibizione è stata osteggiata da altre istituzioni e il governo ha riferito di aver preparato una tabella di marcia per regolare, non vietare le operazioni di cripto.

Un numero uguale di russi consapevoli delle criptovalute ora supporta e rifiuta l’idea della banca centrale (32% ciascuno), il sondaggio condotto da Vtsiom ha mostrato. Un gruppo di persone di dimensioni simili, il 33%, rimane indifferente al tentativo del regolatore di vietare le transazioni legate alle criptovalute. La maggioranza dei giovani, il 54% di quelli tra i 18 e i 24 anni e la metà dei 25-34enni, non sono d’accordo con l’autorità monetaria. All’altra estremità dello spettro ci sono quelli di 60 anni e oltre, tra i quali solo il 15% è contro il divieto.

Nonostante il volume annuale delle transazioni di criptovalute effettuate dai russi raggiunga i 5 miliardi di dollari, secondo le stime della stessa Banca di Russia, l’81% degli intervistati non desidera acquistare criptovalute contro il 16% che ha detto di voler comprare. Più della metà dei partecipanti allo studio (56%) pensa ancora che il bitcoin sia un cattivo investimento, mentre uno su cinque intervistati (22%) lo vede come una buona opzione.

La maggior parte dei russi che conoscono il bitcoin hanno ammesso che né loro né le persone a loro vicine hanno mai comprato criptovalute (74%). Un quinto degli intervistati ha rivelato che i loro parenti o amici hanno comprato bitcoin (21%) e il 4% ha acquistato loro stessi criptovalute. Allo stesso tempo, più russi (38%) credono che una scorta di criptovalute sia più difficile da rubare, mentre quelli che pensano che le partecipazioni fiat siano più sicure sono il 27%.

Tag in questa storia

divieto, Banca di Russia, Bitcoin, CBR, Banca Centrale, Crypto, cripto investimenti, Crypto investitori, criptovalute, Criptovalute, investimenti, investitori, opinioni, sondaggio, divieto, proposta, regolamento, regolamenti, Russia, russi, russi, studio, sondaggio

Cosa pensi dei risultati del sondaggio e delle proposte di regolamentazione del settore cripto russo? Condividi i tuoi pensieri sull’argomento nella sezione commenti qui sotto.

Lubomir Tassev

Lubomir Tassev è un giornalista dell’Europa orientale esperto di tecnologia a cui piace la citazione di Hitchens: “Essere uno scrittore è ciò che sono, piuttosto che ciò che faccio” Oltre a crypto, blockchain e fintech, la politica internazionale e l’economia sono altre due fonti di ispirazione.

Crypto Ban in Russia Can Have Opposite Effect, Medvedev Warns as Opposition Mounts Against Proposal

IMF Tells El Salvador: Costs of Making Bitcoin Legal Tender Exceed Potential Benefits

Image Credits: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è un’offerta diretta o una sollecitazione di un’offerta di acquisto o vendita, o una raccomandazione o approvazione di qualsiasi prodotto, servizio o società. Bitcoin.com non fornisce consigli di investimento, fiscali, legali o contabili. Né l’azienda né l’autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, per qualsiasi danno o perdita causata o presunta causata da o in connessione con l’uso o l’affidamento a qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato in questo articolo.

Altre storie
Guerriero dell’ombra 3 (PC)
Guerriero dell’ombra 3 (PC)