Il primo ministro tailandese mette in guardia gli investitori che entrano in Crypto mentre l’interesse per gli asset digitali sale

Il primo ministro tailandese mette in guardia gli investitori che entrano in Crypto mentre l’interesse per gli asset digitali sale

Il primo ministro della Thailandia ha messo in guardia gli investitori che entrano nelle criptovalute, notando che sono volatili e altamente speculative. Recentemente, l’interesse per le criptovalute è salito alle stelle quando i giovani investitori del paese hanno scoperto che potevano fare soldi velocemente investendo nelle criptovalute.

Il primo ministro thailandese mette in guardia sugli investimenti in criptovalute

Ratchada Thanadirek, vice portavoce dell’ufficio del primo ministro thailandese, ha detto sabato che il primo ministro Prayuth Chan-ocha è preoccupato per le persone che investono in criptovalute, in particolare i giovani investitori.

L’avvertimento è arrivato quando il primo ministro ha appreso che i thailandesi che entrano nella forza lavoro si sono affollati per investire in criptovalute a causa dei loro spettacolari ritorni in un breve periodo di tempo.

Tuttavia, il primo ministro ha esortato gli investitori a considerare i rischi di investire in questa classe di attività. Ha osservato che le criptovalute non hanno fondamenti di supporto, e sono altamente speculative e molto volatili.

Ha anche chiesto ai genitori di essere cauti quando aprono conti di trading per i loro figli, sottolineando che gli investimenti dei minori devono essere strettamente sorvegliati.

Inoltre, il primo ministro ha esortato gli investitori a comprendere i rischi di investimento e ad essere in grado di accettare tutte le perdite. Dovrebbero fare delle ricerche e considerare attentamente gli investimenti prima di prendere una decisione. Soprattutto, non dovrebbero essere ingannati dalla pubblicità e devono scegliere un fornitore di servizi che sia autorizzato dalla Securities and Exchange Commission (SEC) del paese.

Ratchada ha dichiarato: “Il primo ministro è contento che la nuova generazione sia interessata ad investire. Ma tutti gli investimenti sono rischiosi” Ha elaborato:

I giovani della nuova generazione, compresi i genitori, sono incoraggiati a studiare i dati e imparare prima di investire ogni volta per capire le caratteristiche di rischio degli investimenti.

“Valutate voi stessi se potete accettare i rischi che possono sorgere, compreso il controllo che il fornitore del servizio sia legittimo. Non fatevi ingannare dalla pubblicità di qualsiasi azienda per investire in beni digitali”, ha aggiunto.

 

Attualmente, i dati della SEC tailandese mostrano che ci sono 1,49 milioni di conti di trading di asset digitali, 311.000 dei quali sono conti attivi, con un valore medio di trading giornaliero di 6,6 miliardi di baht (198 milioni di dollari). Circa il 3% dei commercianti sono giovani sotto i 20 anni e circa il 47% ha meno di 30 anni.

Nel frattempo, il numero di società di servizi di investimento è cresciuto rapidamente, alcune delle quali non hanno una licenza per operare nel paese. Il primo ministro ha inoltre avvertito il pubblico, così come gli investitori di criptovalute, di fare attenzione quando si utilizzano servizi che non hanno la licenza, in quanto non sono protetti dalla legge.

Cosa ne pensi dell’avvertimento del primo ministro thailandese? Fatecelo sapere nella sezione commenti qui sotto.

Kevin O'Leary on SEC v Ripple Lawsuit Over XRP: 'I Have Zero Interest in Investing in Litigation Against SEC'

Paytm Founder: Crypto Is Here to Stay and Will Become Mainstream in 5 Years

Image Credits: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è un’offerta diretta o una sollecitazione di un’offerta di acquisto o vendita, o una raccomandazione o approvazione di qualsiasi prodotto, servizio o società. Bitcoin.com non fornisce consigli di investimento, fiscali, legali o contabili. Né l’azienda né l’autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, per qualsiasi danno o perdita causata o presunta causata da o in connessione con l’uso o l’affidamento a qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato in questo articolo.

Altre storie
La Liga: Pjanic non vuole più tornare al Barcellona
La Liga: Pjanic non vuole più tornare al Barcellona