Il set della moda ha celebrato il 4/20 alla festa della vigilia di Edie Parker Flower

Il set della moda ha celebrato il 4/20 alla festa della vigilia di Edie Parker Flower

Pensate alla vigilia di Natale, ma prima del 4/20. Questa era l’atmosfera ieri sera al cocktail party di Edie Parker Flower nell’East Village. Tenutosi al Ding-a-Ling, il locale è stato trasformato in una sorta di paese delle meraviglie ispirato all’erba, completo di motivi a base di marijuana e takeaway per cambiare l’umore.

Brett Heyman, il fondatore del marchio di accessori e oggetti da collezione alla cannabis, ha ospitato l’evento che ha celebrato il lancio della sua prima campagna intitolata Weed’s Come A Long Way, Baby!- che, come i suoi prodotti, è di ispirazione vintage. Sebbene Edie Parker abbia iniziato come marchio di accessori di moda, Heyman ha più recentemente abbracciato la cannabis come categoria di prodotti ma anche come causa. Riconosce e affronta le disuguaglianze prevalenti nella fiorente industria della cannabis attraverso la Fondazione Edie Parker, la 501(c)(3) associata che collabora con la Women’s Prison Association per sostenere la reintegrazione nella società.

Della sua ultima campagna, Heyman è stata (forse sorprendentemente) ispirata dalle pubblicità della Virginia Slims. “Era come se mentre il movimento femminista stava guadagnando vapore, le pubblicità presentavano tutte queste donne che erano fuori dalla cucina. Erano eleganti, indipendenti, e parlavano di quanta strada hanno fatto”, dice Heyman della campagna. E così, Heyman ha scelto tre donne che sono pubbliche consumatrici di cannabis per la campagna Edie Parker Flower: Richie Shazam, Fiffany Luu e Faith Juggernauth. Anche se il trio non era certo l’unica star alla moda che invadeva la festa. In piedi al bar, in posa per le foto, o raccolti a chiacchierare con gli amici c’erano nomi come Wes Gordon e Rachelle Hruska o top model come Lameka Fox e Vanessa Moody. Le pareti erano adornate con i freschi concetti del marchio, la musica groovy era suonata da Va$htie e Ruby Aldridge, e venivano offerti finger food come hot dog e nachos; lo spazio era divertente e spensierato.

Altre storie
Hot Wheels: Unleashed Recensione
Hot Wheels: Unleashed Recensione