La maggior parte delle piramidi finanziarie russe nel 1° trimestre sono legate alla crittografia, i truffatori sfruttano l’argomento delle sanzioni

La maggior parte delle piramidi finanziarie russe nel 1° trimestre sono legate alla crittografia, i truffatori sfruttano l’argomento delle sanzioni

Majority of Russia’s Financial Pyramids in Q1 Linked to Crypto, Scammers Exploit Sanctions Topic

Molte delle piramidi finanziarie identificate in Russia durante il primo trimestre dell’anno sono state associate alle criptovalute, ha rivelato un alto funzionario della banca centrale. I truffatori stanno sfruttando attivamente i temi caldi del giorno, compreso il tema delle sanzioni.

Le piramidi offrono agli investitori russi modi per aggirare le sanzioni occidentali

In mezzo alla crescente incertezza finanziaria, gli schemi di Ponzi che pubblicizzano opportunità di investire in beni digitali stanno spuntando come funghi in Russia. Di tutte le piramidi finanziarie rilevate dai regolatori nei primi tre mesi del 2022, ben oltre la metà ha usato le criptovalute come esca.

“Gli schemi basati sui trasferimenti utilizzando criptovalute o investimenti in ‘strumenti digitali’ hanno ricevuto un altro impulso”, ha detto all’agenzia di stampa Tass Valery Lyakh, direttore del Dipartimento della Banca di Russia per la lotta contro le pratiche sleali. Più del 58% delle piramidi identificate dalle autorità finanziarie russe nel primo trimestre di quest’anno erano legate alle criptovalute, Lyakh ha dettagliato.

Come al solito, i truffatori approfittano degli argomenti di tendenza nelle notizie, ha aggiunto l’alto rappresentante dell’autorità monetaria russa. “Sullo sfondo delle incertezze finanziarie, gli inviti a ‘risparmiare soldi’ in giurisdizioni straniere, investire in un progetto straniero, in titoli stranieri sono popolari”, ha elaborato Lyakh.

Proposte di investimento come queste sono state fatte in passato, ma ora i truffatori sfruttano anche le sanzioni imposte alla Russia per la sua invasione dell’Ucraina, ha sottolineato Valery Lyakh. Parlano di progetti in paesi che non sostengono le misure contro Mosca e le offerte per aggirare le restrizioni sui pagamenti internazionali sono diventate il nuovo trucco per convincere le vittime a inviare i loro soldi, ha aggiunto.

La possibilità che la Russia impieghi le criptovalute per eludere le sanzioni ha sollevato preoccupazioni in Occidente, ma un recente rapporto di Moody’s suggerisce che la capacità di Mosca di evitare le sanzioni utilizzando i beni digitali è limitata dalle dimensioni relativamente piccole del mercato delle criptovalute e dalla sua bassa liquidità. L’agenzia di rating ha riconosciuto, tuttavia, che le piccole transazioni di cripto fatte dai russi sono aumentate.

L’investimento in cripto è stato il tema principale del famigerato schema Ponzi Finiko, il più grande della Russia negli ultimi anni, che è crollato la scorsa estate dopo aver ricevuto oltre 1,5 miliardi di dollari di bitcoin tra dicembre 2019 e agosto 2021, secondo Chainalysis. Le forze dell’ordine russe hanno recentemente arrestato altri sei membri di Finiko coinvolti nella frode di migliaia di vittime in Russia, in altri paesi ex-sovietici e in tutto il mondo.

Tag in questa storia

Banca di Russia, Banca Centrale, Crypto, Criptovalute, Criptovalute, piramidi finanziarie, Finiko, Frode, truffatori, schemi di investimento, Schemi Ponzi, schemi piramidali, piramidi, restrizioni, Russia, russo, Sanzioni, Truffe

Ti aspetti che le truffe che offrono ai russi di eludere le sanzioni con le criptovalute aumentino ulteriormente? Diccelo nella sezione commenti qui sotto.

Lubomir Tassev

Lubomir Tassev è un giornalista dell’Europa orientale esperto di tecnologia a cui piace la citazione di Hitchens: “Essere uno scrittore è ciò che sono, piuttosto che ciò che faccio” Oltre a crypto, blockchain e fintech, la politica internazionale e l’economia sono altre due fonti di ispirazione.

Apartment Sold for Bitcoin in Portugal After New Regulation Allows Property Deals in Crypto

Robinhood Lists Grayscale’s Bitcoin and Ethereum Trusts

Image Credits: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è un’offerta diretta o una sollecitazione di un’offerta di acquisto o vendita, o una raccomandazione o approvazione di qualsiasi prodotto, servizio o società. Bitcoin.com non fornisce consigli di investimento, fiscali, legali o contabili. Né l’azienda né l’autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, per qualsiasi danno o perdita causata o presunta causata da o in connessione con l’uso o l’affidamento a qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato in questo articolo.

Altre storie
L’Iran blocca 9.200 conti bancari per transazioni sospette in valuta estera e criptovalute
L’Iran blocca 9.200 conti bancari per transazioni sospette in valuta estera e criptovalute