Omicron non è all’altezza della ripresa dell’economia statunitense

Omicron non è all’altezza della ripresa dell’economia statunitense

L’economia statunitense si sta riprendendo da omicron molto più velocemente che da delta.

Nonostante il numero record di casi di omicron, una proporzione molto minore di essi ha portato a ricoveri e morti rispetto alle ondate precedenti. E con quasi nessuna nuova restrizione governativa, gli americani sono stati liberi di continuare la loro vita normale.

Questo dovrebbe rendere omicron meno dannoso per l’economia rispetto alle altre varianti. Ecco uno sguardo a come i lavoratori e le aziende statunitensi se la cavano con il declino dei casi:

Il mercato del lavoro statunitense sta rimbalzando

Anche se la rapida diffusione di omicron ha portato ad una quantità record di americani malati, ci sono già segni che il mercato del lavoro si sta riprendendo. Anche se le richieste di lavoro iniziali sono salite insieme ai casi di omicron, ora stanno scendendo – molto più rapidamente che dopo il picco delta.

I passeggeri aerei si stanno scrollando di dosso l’omicron

Nonostante i casi alle stelle, quasi il doppio del numero di americani è salito su un aereo in gennaio rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Il numero di passeggeri che hanno attraversato i punti di controllo della TSA non era così lontano da quello del gennaio 2020, prima che la pandemia colpisse gli Stati Uniti.

Un’economia pronta per gli shock della catena di approvvigionamento

L’economia è ben impostata per resistere alle interruzioni legate all’omicron, con le imprese statunitensi che hanno aggiunto più scorte nel quarto trimestre di quanto abbiano fatto in qualsiasi altro trimestre negli ultimi tre anni. Questo dovrebbe aiutare ad evitare carenze se le restrizioni pandemiche negli impianti di produzione sono più strette, o le aziende continuano a sperimentare carenze di personale a causa del covid.

Le aziende hanno anche investito 976 miliardi di dollari nelle loro stesse aziende – cose come attrezzature, strutture e proprietà intellettuale.

E mentre la produzione si è fermata a dicembre, i nuovi ordini di beni e servizi sono ancora aumentati fortemente, secondo i dati dell’indice dei direttori d’acquisto di IHS Markit.

“Se il numero di casi scende così rapidamente come in altri paesi, allora la crescita dovrebbe rimanere positiva”, ha detto Brian Rose, un economista senior di UBS in una nota di ricerca. La banca si aspetta che la ripresa torni in pista entro il secondo trimestre.

Altre storie
PSG: il Qatar va all’attacco per Zidane
PSG: il Qatar va all’attacco per Zidane