‘Questione di diritto’ per il valutatore: L’I-T Dept permette l’udienza orale in videoconferenza

‘Questione di diritto’ per il valutatore: L’I-T Dept permette l’udienza orale in videoconferenza

Il destinatario dell’imposta sul reddito può ora avvalersi di un’udienza orale attraverso la videoconferenza (VC) come una questione di diritto nell’ambito del regime nazionale rivisto di appello senza volto (NFA). Prima era a discrezione del Dipartimento delle imposte sul reddito

Originariamente, lo schema è stato lanciato nel settembre dello scorso anno. Tuttavia, da allora, è stato corteggiando le controversie e molti tribunali hanno giudicato contro determinate disposizioni. Tenendo tutti questi in mente, il Ministero delle Finanze ha notificato lo schema rivisto – Faceless Appeal Scheme 2021-che sostituirà lo schema precedente.

Uno dei cambiamenti più importanti è nella sezione 12. Sotto il nuovo schema, questa sezione dice che una persona non sarà richiesta per comparire personalmente o attraverso un rappresentante autorizzato in relazione a qualsiasi procedimento sotto questo schema prima dell’autorità di I-T al centro di NFA o all’unità di appello istituita sotto questo schema.

Richiesta di audizione personale

“Il ricorrente o il suo rappresentante autorizzato, a seconda dei casi, può richiedere un’audizione personale ai sensi del presente regime, in modo da fare le sue osservazioni orali o presentare il suo caso davanti al Commissario (Appelli), attraverso il centro NFA. Il commissario interessato (Appelli) accoglie la richiesta di audizione personale e comunica la data e l’ora dell’audizione al ricorrente attraverso il centro NFA”, prescrive.

In precedenza, era previsto che il commissario capo o il direttore generale, responsabile del centro regionale di appello senza volto, sotto il quale l’unità di appello interessata è istituita, può approvare la richiesta di audizione personale. Essa sarà soggetta a varie condizioni. Ora, tutti questi sono stati rivisti.

‘Nuovo schema più semplice’

Il contabile Ved Jain, ex presidente dell’Institute of Chartered Accountants of India (ICAI) ha detto che questo cambiamento apparentemente è stato fatto considerando la sfida che il vecchio schema ha affrontato in varie alte corti, essendo in grave violazione del principio di giustizia naturale. Il nuovo schema sembra essere semplice ed affronta l’edizione di giustizia naturale poiché il ricorrente può chiedere l’udienza orale attraverso VC come una questione di diritto e lo stesso deve essere permesso.

“Il ricorrente deve essere dato un’occasione giusta ed adeguata per rappresentare il relativo caso,,, ha detto.

Processo precedente macchinoso

Sotto lo schema modificato ci è un cambiamento nella procedura anche. In precedenza lo schema era basato sull’unità di appello. Tutto il potere di condonare il ritardo nella presentazione del ricorso, ammettendo i motivi supplementari, prove supplementari era con “l’unità di ricorso,,. L’ordine di appello doveva anche essere preparato dall'”unità di appello” come progetto di ordine. Nel caso in cui l'”unità di appello di revisione” intendesse modificare la bozza dell’ordinanza preparata dalla prima “unità di appello”, allora essa sarebbe passata alla terza “unità di appello” per la finalizzazione. La terza “unità d’appello” doveva finalizzare l’ordinanza d’appello. Questo ordine come finalizzato dalla terza unità di appello doveva essere comunicato al ricorrente da Faceless Appeal Centre.

Ora il potere con CIT-A

Ora sotto lo schema rivisto tutto il potere di condonazione, prove aggiuntive, motivo aggiuntivo è solo con il Commissario dell’imposta sul reddito- appello (CIT (A)). “Nessuna bozza di ordine. Nessuna revisione di tale ordine da parte di un’altra unità o di un altro CIT (A). Il CIT (A) deve redigere e finalizzare l’ordine e questo ordine sarà condiviso con il ricorrente attraverso il Faceless Appeal Centre. Prima era basato sull’unità di appello, ora è basato sul CIT (A)”, ha spiegato Jain.

Altre storie
Le PMI chiedono chiarezza mentre l’Australia blocca la riapertura delle frontiere nell’incertezza di Omicron
Le PMI chiedono chiarezza mentre l’Australia blocca la riapertura delle frontiere nell’incertezza di Omicron