Rapporto: Presunto trio nigeriano usa i proventi del riciclaggio di denaro per comprare Bitcoin per un valore di oltre 43 milioni di dollari

Rapporto: Presunto trio nigeriano usa i proventi del riciclaggio di denaro per comprare Bitcoin per un valore di oltre 43 milioni di dollari

Report: Nigerian Trio Allegedly Uses Money Laundering Proceeds to Buy Bitcoins Worth Over  Million

Tre cittadini nigeriani sono accusati di aver usato i proventi del riciclaggio di denaro per acquistare bitcoin per un valore di oltre 43 milioni di dollari da piattaforme di scambio di criptovalute come Binance e Busha. Il trio è accusato di aver spostato un equivalente di oltre 215 milioni di dollari dalla Nigeria al Kenya tra ottobre e novembre 2020.

Potente politico keniota assiste i presunti riciclatori di denaro

L’agenzia globale di applicazione della legge, Interpol, sta cercando di concludere un caso in cui tre cittadini nigeriani sono accusati di aver usato i proventi del riciclaggio di denaro per acquistare bitcoin per un valore di oltre 43 milioni di dollari, ha detto un rapporto. Tre kenioti, tra cui un potente politico keniota senza nome, sono accusati di aver aiutato il trio nigeriano nei loro sforzi per nascondere il motivo esatto per spostare i fondi.

Secondo un rapporto della pubblicazione keniota, la Nazione, una sonda dell’Interpol ha scoperto che il trio potrebbe aver trasferito oltre 215 milioni di dollari (25 miliardi di scellini kenioti) dalla Nigeria al Kenya tra ottobre e novembre 2020.

Una volta che i fondi erano in Kenya, i tre, Olubunmi Akinyemiju, Olufemi Olukunmi Demuren e Eghosasere Nehikhare, sono andati a comprare bitcoin. Durante questa baldoria di acquisti, si dice che il trio abbia acquistato bitcoin che all’epoca avevano un valore di 36.353.728 dollari dalla filiale registrata negli Stati Uniti di Binance, uno dei più grandi scambi di criptovalute per volumi scambiati. Altri 7.246.582 dollari sono stati utilizzati per acquistare bitcoin su Busha, un altro scambio di criptovalute.

Le autorità congelano sei conti bancari

Dopo aver acquisito i bitcoin, si ritiene che il trio abbia distribuito le criptovalute ai singoli portafogli come parte di un tentativo di renderle irrintracciabili, ha detto il rapporto. Tuttavia, la pubblicazione keniota ha detto che non poteva accertare il numero esatto di bitcoin che il trio nigeriano aveva acquistato sulla borsa keniota Bitpesa e su Quidax.

Il rapporto ha detto che il trio nigeriano era riuscito a spostare con successo i fondi usando il pretesto che erano “trasferimenti di fondi della stessa azienda” Tuttavia, la dimensione dei trasferimenti di fondi alla fine ha suscitato l’interesse dell’Interpol.

In seguito all’indagine dell’Interpol, l’Agenzia per il recupero dei beni del Kenya (ARA) ha ottenuto una sentenza del tribunale che l’ha autorizzata a congelare sei conti bancari appartenenti a sei società collegate ai presunti riciclatori di denaro.

Nel frattempo, il rapporto della Nazione ha identificato Pauline Wanjiru Wachira e Evalyne Wawira Gachoki come i due cittadini kenioti che potrebbero aver aiutato il trio nigeriano a spostare i fondi riciclati.

Quali sono i vostri pensieri su questa storia? Diteci cosa ne pensate nella sezione commenti qui sotto.

Terence Zimwara

Terence Zimwara è un giornalista, autore e scrittore premiato in Zimbabwe. Ha scritto molto sui problemi economici di alcuni paesi africani e su come le valute digitali possono fornire agli africani una via di fuga.

Uzbekistan President Issues Decree Regulating Cryptocurrencies, Mining and Trading

Bahrain Central Bank Issues New Regulations Governing Operations of Crowdfunding Platforms

Image Credits: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è un’offerta diretta o una sollecitazione di un’offerta di acquisto o vendita, o una raccomandazione o approvazione di qualsiasi prodotto, servizio o società. Bitcoin.com non fornisce consigli di investimento, fiscali, legali o contabili. Né l’azienda né l’autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, per qualsiasi danno o perdita causata o presunta causata da o in connessione con l’uso o l’affidamento a qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato in questo articolo.

Altre storie
Fred Williamson risponde a tutte le domande che abbiamo su Black Caesar
Fred Williamson risponde a tutte le domande che abbiamo su Black Caesar