Tether sostiene di essere stata pronta a questa corsa agli sportelli

Tether sostiene di essere stata pronta a questa corsa agli sportelli

Cover art/illustrazione via CryptoSlate

Il CTO di Tether, Paolo Ardoino, ci ha detto il mese scorso che Tether era pronto per un bank run. Ardoino e il team di Tether hanno eseguito dei modelli per simulare una crisi finanziaria del 2008 e ritengono che continuerà a essere in grado di onorare tutti i rimborsi anche se si verificasse una situazione simile.

L’ancoraggio di Tether al dollaro USA è stato scosso ieri quando è sceso a 0,95 dollari sui principali exchange come Binance.US e Coinbase. Il token è stato scambiato al di sotto di 0,995 dollari per il periodo più lungo da marzo 2020, chiudendo diverse candele a quattro ore al di sotto del livello 0,005. Attualmente ha recuperato fino a 0,993 dollari e sembra che il peg possa essere presto ripristinato. Se il peg dovesse tornare, Tether potrebbe considerare un calo massimo del 5% e un recupero di 48 ore come uno stress test riuscito. Tuttavia, il potenziale di questo livello di volatilità potrebbe ora essere prezzato nel mercato delle criptovalute nel suo complesso. Quando le stablecoin hanno il potenziale per oscillare del 5%, la fiducia sarà indubbiamente colpita.

tether peg

Riguardo alle attuali condizioni di mercato, Ardoino ha twittato: “Ricordiamo che tether sta onorando i rimborsi USDt a 1$” Nella nostra intervista, Ardoino ha affermato che Tether non ha mai rifiutato i rimborsi. Tuttavia, sembra che gli investitori abbiano bisogno di almeno 100.000 dollari di Tether per utilizzare il loro servizio di riscatto e che debbano trovarsi al di fuori degli Stati Uniti, a meno che non si qualifichino come Eligible Contract Participant. Tether ha dichiarato di aver servito oltre 300 milioni di dollari di riscatti Tether nelle ultime 24 ore.

Alla domanda se Tether rimarrà sempre ancorato al dollaro, Ardoino ha commentato:

“Prendiamo in considerazione i momenti peggiori della storia della finanza… quando dobbiamo simulare come sarebbe una situazione di bank run su un portafoglio Tether”.”

Più avanti nella conversazione, afferma che se si verificasse un’iperinflazione e una “pizza costasse 1 milione di dollari”, sarebbe anche “1 milione di USDT” La conversazione era incentrata sulla crescente inflazione globale e sull’ipotetica scomparsa della valuta fiat. Oggi, tuttavia, sono le monete stabili a essere al centro dell’attenzione, con il timore che possano essere spazzate via dalla volatilità del mercato.

Guardate qui l’intervista completa per saperne di più su come Tether si è preparata a una corsa agli sportelli (ci scusiamo per la qualità dell’audio dovuta a un problema tecnico):

In risposta a una richiesta diretta di commenti, Tether ha rilasciato la seguente dichiarazione in merito alle attuali condizioni di mercato;

Tether è lieta di riferire che l’attività di mercato è in corso come al solito, nonostante il panico previsto in seguito ai movimenti di mercato di questa settimana.

Tether continua a onorare normalmente i rimborsi, con i clienti verificati (nelle giurisdizioni consentite) in grado di riscattare USDt su Tether.to per USD$1. Solo nelle ultime 24 ore, Tether ha onorato più di 300 milioni di riscatti di USDt e sta già elaborando più di 2 miliardi oggi, senza problemi.

Tether ha mantenuto la sua stabilità attraverso molteplici eventi di cigno nero e condizioni di mercato altamente volatili e anche nei giorni più bui Tether non ha mai mancato di onorare una richiesta di riscatto da parte di uno qualsiasi dei suoi clienti verificati. Tether continuerà a farlo, come ha sempre fatto.

Tether è la stablecoin più liquida del mercato, sostenuta da un portafoglio solido e conservativo che consiste in liquidità ed equivalenti, come buoni del tesoro a breve termine, fondi del mercato monetario e carta commerciale di emittenti con rating A-2 e superiore. Il valore delle riserve di Tether è pubblicato quotidianamente e aggiornato una volta al giorno. Le informazioni più recenti sono disponibili qui: https://tether.to/en/transparency.

Altre storie
Testimonianza di apertura: Commissione per i servizi finanziari della Camera degli Stati Uniti
Testimonianza di apertura: Commissione per i servizi finanziari della Camera degli Stati Uniti